BLOGTurismo e ambiente Le domande più frequenti sul corso di guida turistica

Le domande più frequenti sul corso di guida turistica

Autore:

Le domande più frequenti sul corso di guida turistica


Come è strutturato il corso?


Il corso prevede una fase d’aula di 700 ore, un periodo di stage di 100 ore e l’esame finale. È necessario un altro esame oltre a quello di fine corso? No, il superamento dell’esame consente di ottenere la Qualifica Professionale di Guida Turistica.


Quali sono i requisiti per potersi iscrivere?


Diploma di scuola secondaria superiore e conoscenza di almeno una lingua Straniera Livello Alte C1


Come viene verificato il livello di conoscenza della lingua straniera?


La normativa richiede la conoscenza di una lingua straniera a livello C1. La conoscenza viene verificata, per gli italiani, siacon una prova iniziale scritta e orale, sia nell’esame finale. Nell’esame finale è prevista la prova solo orale, pertanto è importante esercitare la conversazione. Per le persone di origine straniera è prevista invece la verifica della lingua italiana a inizio corso.


Come è strutturato l’esame?


L’esame finale è gestito da una commissione nominata dalla Regione Toscana, con un membro indicato dalla nostra agenzia formativa. L’esame prevede una prima prova orale di lingua (si possono portare anche più lingue), la prova tecnico-pratica (simulazione di un tour), il questionario e poi l’orale.


In quali sedi si svolge?


Esedra Formazione organizza corsi nelle sedi di Lucca, Pisa, Grosseto e Firenze.


Com’è la frequenza?


Ogni edizione può avere una diversa modalità di frequenza. Le due modalità più frequenti sono quella che chiamiamo FULL-TIME (con lezioni dal lunedì al giovedì per 8 ore al giorno; durata complessiva 7/8 mesi) e quella WEEKEND (con lezioni solo il venerdì e il sabato per 8 ore al giorno; durata complessiva 12/13 mesi).


Come funzionano i crediti formativi?


Chi avesse sostenuto esami universitari o altri corsi riconosciuti inerenti le materie del corso (storia, storia dell’arte, archeologia, marketing del turismo…) potrà presentare la documentazione alla segreteria didattica che provvederà al calcolo dei crediti formativi. Il riconoscimento dei crediti per un determinato modulo consentono il riconoscimento di uno sconto sulla quota di partecipazione e l’esenzione dalla frequenza di quelle lezioni.


Cosa succede se cambia la normativa?


La normativa relativa alla professione di guida turistica è stabilita a livello nazionale, mentre quella per la formazione è ordinata a livello regionale. Qualora intervenisse una modifica, sia a livello nazionale che regionale, i corsi avviati si concluderebbero nel rispetto della normativa vigente al momento dell’avvio, mentre i corsi successivi dovranno adeguarsi alle eventuali novità.


Come si fa a ottenere il patentino?


Una volta conseguita la qualifica è possibile rivolgersi presso gli uffici del turismo della propria Provincia (o Città Metropolitana) per richiedere il patentino. In Regione Toscana è possibile richiedere il patentino dichiarando il domicilio.


L’abilitazione per guida turistica ha validità nazionale?


Si, con l’entrata in vigore della legge 97/2013 – art. 3 – viene recepita la normativa europea relativamente alla professione di guida turistica e, conseguentemente, ampliato l’ambito d’azione delle guide che, essendo ora definite “NAZIONALI”, hanno facoltà di esercitare in tutta Italia.


Quali sono le modalità di pagamento?


Per confermare la partecipazione al corso è necessario pagare l’iscrizione che può variare in base ai crediti formativi. Il resto della quota può essere pagata in 6 rate mensili. È possibile anche richiedere un finanziamento in 12-18 mesi.


Come fare per iscriversi?


Per confermare l’iscrizione è necessario compilare la domanda d’iscrizione e il contratto, rilasciare la copia del documento e pagare la prima rata. È possibile fare tutto presso le nostre sedi fissando un appuntamento, o richiedere la modulistica tramite mail.


Cosa Significa livello Alte C1?


Il livello C1 è il quinto livello stabilito dal Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue (QCER). Il QCER, in inglese Common European Framework of Reference for Languages (CEFR), talvolta indicato semplicemente come Framework, è un sistema per valutare la conoscenza linguistica a vari livelli determinato dal Consiglio Europeo.

Di solito il livello C1 viene detto “avanzato”, in quanto chi lo possiede si esprime con scioltezza e naturalezza. Usa la lingua in modo flessibile ed efficace per scopi sociali, professionali ed accademici Le tre fasce di competenza (A "Base", B "Autonomia" e C "Padronanza"), e i sei livelli di competenza (A1, A2, B1, B2, C1, C2) articolati nel QCER sono utilizzati in tutta Europa e in altri continenti come parametri per fornire agli insegnanti di lingua un modello di riferimento per la valutazione delle conoscenze linguistiche.

In particolare C1 - Livello avanzato è così definito: Comprende un'ampia gamma di testi complessi e lunghi e ne sa riconoscere il significato implicito. Si esprime con scioltezza e naturalezza. Usa la lingua in modo flessibile ed efficace per scopi sociali, professionali ed accademici. Riesce a produrre testi chiari, ben costruiti, dettagliati su argomenti complessi, mostrando un sicuro controllo della struttura testuale, dei connettori e degli elementi di coesione


Vai alla pagina del corso.

COMMENTI
Accedi o Registrati subito per pubblicare un commento
Invia ad un Amico